Piazza Grande | Homeless Homes Project: l’arte al servizio dei senzatetto
4849
post-template-default,single,single-post,postid-4849,single-format-standard,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-7.7,wpb-js-composer js-comp-ver-4.7.4,vc_responsive

12 Mag Homeless Homes Project: l’arte al servizio dei senzatetto

Di necessità virtù, l’Homeless Homes Project trasforma vecchi cassonetti della spazzatura in rifugi per senzatetto. Abitazioni mobili, personalizzabili e dai colori sgargianti realizzate con materiali riciclati dall’artista Gregory Kloehn il cui lavoro consiste – parole sue – nel «cogliere la grandezza del mondo e mescolarla con ironia sociale». L’Homeless Homes Project nasce a Oakland, California, con l’obiettivo di mettere al servizio dei senza fissa dimora creatività e ingegno con uno sguardo attento al riuso e alla rigenerazione urbana sostenibile. Gli elementi utilizzati per la costruzione delle casette trasportabili, infatti, provengono tutti dalla strada: l’oblò di una lavatrice può trasformarsi ad esempio in una finestra, l’anta di un frigorifero nella porta d’ingresso.

5p0a88581 5p0a9134 5p0a8964 5p0a8952

5p0a8905 5p0a8679 5p0a8586 2_13

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Piazza Grande «Cambia il finale» con Hera, un progetto nato per dare nuova vita ad oggetti ancora utilizzabili e favorire un virtuoso e solidale circuito del riuso, con l’impiego anche di persone svantaggiate. Per maggiori info CLICCA QUI

 

No Comments

Post A Comment