Rubriche: voci dal carcere dicembre | Piazza Grande
20682
post-template-default,single,single-post,postid-20682,single-format-standard,cookies-not-set,everest-forms-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-7.7,wpb-js-composer js-comp-ver-4.7.4,vc_responsive

09 Gen Rubriche: voci dal carcere dicembre

Un mondo senza carceri: idea folle o visione profetica?

Dal numero di Dicembre 2018 di Piazza Grande
di Roberto Cavalli

Potrà mai esistere un mondo a carceri zero? Probabilmente no, ma mentre in Italia ci si limita, senza alcuna idea potenzialmente innovativa, a progettare la costruzione di nuovi Istituti di detenzione e l’ammodernamento di quelli attualmente in uso, in altre aree geografiche del pianeta, da qualche tempo, è in corso un interessante e vivace dibattito sulla possibilità di abolire o quantomeno ridurre al minimo le prigioni, in quanto strutture inadeguate a rendere più sicura la collettività.

Il capostipite di queste visionarie teorie abolizioniste è stato un criminologo norvegese di nome Nils Christie, scomparso nel 2015, che ha dedicato gran parte della propria vita accademica a cercare di veicolare un messaggio altamente seduttivo, ma generalmente impopolare, secondo cui il carcere rappresenterebbe soprattutto un luogo di sofferenza e dolore, di controllo dei conflitti sociali e di grande business, e quindi, in quanto tale, da eliminare nei limiti del possibile.

Un mondo senza carceri sarebbe un mondo migliore o un mondo peggiore?
E senza carceri si rafforzerebbe il vivere civile di una comunità sociale
oppure si darebbe vita a uno scontro “tutti contro tutti” senza colpi di esclusione?

La risposta a queste domande deve essere ricercata in soluzioni sostitutive o alternative alla reclusione che, senza ledere la convivenza sociale, portino ad un aumento del misure penali extra-carcere e ad una progressiva decrescita nel numero complessivo delle prigioni. Esattamente quanto affermato dal criminologo norvegese, che, inoltre, si fa portavoce anche del ritorno a una maggiore gentilezza tra le persone, da declinare in un meccanismo di risoluzione dei conflitti sociali attraverso il dialogo tra persona offesa e autore del reato.

Condividi su:
No Comments

Post A Comment