L'intervista - Servizio Mobile di Sostegno | Piazza Grande
21010
post-template-default,single,single-post,postid-21010,single-format-standard,cookies-not-set,everest-forms-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-7.7,wpb-js-composer js-comp-ver-4.7.4,vc_responsive

11 Mar L’intervista – Servizio Mobile di Sostegno

L’AZIONE DEL SERVIZIO MOBILE DI PIAZZA GRANDE: IN STRADA COSTRUIAMO RELAZIONI

Non ci rapportiamo con senza dimora, ma con persone

Dal numero di Marzo di Piazza Grande
di Luigi Russo

Quali sono i reali desideri delle persone che stanno in strada?

Ci sono due questioni che ci impediscono di rispondere compiutamente a questa domanda: il fatto che non siamo persone senza dimora e il fatto che i desideri cambiano, sono difficili da raggiungere, comprendere, raccontare e scrivere. Ci teniamo molto a non generalizzare, a relazionarci con le singole persone senza costruire categorie, tipizzare, senza credere di sapere ciò di cui le persone hanno bisogno.

Cosa può fare un volontario?

I volontari sono preziosissimi perché, oltre a contribuire concretamente, affiancando le operatrici nelle uscite serali, rappresentano anche un’occasione di relazione. La relazione è il nostro (quasi) esclusivo strumento di lavoro. Offrire alle persone un’ulteriore occasione di contatto, una pluralità relazionale ha, secondo noi, due importanti caratteristiche: da una parte arricchisce il panorama di possibilità, fonti, punti di vista, dall’altra protegge la persona senza dimora e l’operatrice dall’esclusività della relazione, che con il tempo può perdere d’efficacia e può diventare meno nutriente.

Condividi su:
Tags:
No Comments

Post A Comment