Acqua pubblica | Piazza Grande
21385
post-template-default,single,single-post,postid-21385,single-format-standard,cookies-not-set,everest-forms-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-7.7,wpb-js-composer js-comp-ver-4.7.4,vc_responsive

13 Ago Acqua pubblica

ACQUA PUBBLICA, PIAZZA GRANDE DISEGNA LA MAPPA DELLE FONTANELLE ATTIVE E DISTRIBUISCE BORRACCE AI SENZA DIMORA

Questa sera in piazza Maggiore un banchetto per sostenere l’iniziativa. Al lavoro con l’assessorato al turismo per inserire l’iniziativa nel sistema dell’accoglienza turistica

Bologna, 14 agosto 2019 – Una mappa con le 24 fontanelle pubbliche attive in città, compilata dalle operatrici del servizio mobile, e una borraccia termica per placare la sete del caldo agostano: è questo il kit che Piazza Grande, la cooperativa sociale che da 25 anni si occupa a Bologna di persone senza dimora, ha preparato per il weekend di Ferragosto e che questa sera, 14 agosto, sarà messo a disposizione di turisti e cittadini, grazie alla collaborazione della Cineteca di Bologna, durante la serata di liscio in programma dalle 21 in piazza Maggiore. Nelle scorse settimane già 200 borracce sono state distribuite grazie ai fondi FEAD alle persone che vivono per strada e le offerte che verranno raccolte domani in cambio dei kit, serviranno a finanziare il servizio mobile. Non solo: grazie alla collaborazione dell’assessore Matteo Lepore, si sta studiando la possibilità di far entrare il kit nel sistema di accoglienza turistica della città, in modo che i viaggiatori possano acquistare le borracce, sostenendo le attività di welfare cittadino da un lato e beneficiando della mappatura dei punti dell’acqua pubblica realizzata e costantemente aggiornata dagli operatori di Città Prossima Help Center, il servizio di prossimità che Piazza Grande gestisce su bando di ASP Città di Bologna.

“La nostra iniziativa – spiega Carlo Francesco Salmaso, presidente di Piazza Grande – vuole essere un modo per costruire una rete di solidarietà che coinvolga non solo i cittadini ma anche le persone che visitano la città solo per qualche giorno: a loro offriamo il nostro lavoro di monitoraggio del territorio, in particolare quello delle fontane pubbliche attive e funzionanti, e in cambio otteniamo consapevolezza e sostegno sui temi della marginalità, che spesso le città tendono a nascondere agli sguardi dei turisti, ma che al contrario noi vogliamo evidenziare, coerentemente al nostro spirito ma anche a quella che noi crediamo essere l’identità più forte di Bologna, cioè quella di città solidale. Inoltre, questa iniziativa vuole essere un contributo positivo e costruttivo al dibattito sull’acqua pubblica in città, che parte da precisi valori e evidenzia alcuni dei vantaggi che le fontane portano alla città, primo tra tutti quelli di raccontare Bologna come una città accogliente”.

Condividi su:
Tags:
No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.