La povertà in carcere. C'è quella economica ma anche quella culturale
21875
post-template-default,single,single-post,postid-21875,single-format-standard,cookies-not-set,everest-forms-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-7.7,wpb-js-composer js-comp-ver-4.7.4,vc_responsive

15 Nov Voci dal carcere


La povertà in carcere.

C’è quella economica ma anche quella culturale


Il carcere come specchio della società e delle fasi storiche ed economiche. Le condizioni finanziarie dei carcerati rimangono le stesse dentro e fuori, ma spesso ad aggravare la povertà materiale dei detenuti c’è una condizione di povertà culturale.

Quella di chi, per esempio, possiede un basso livello di istruzione o non conosce la lingua.

Quale ricchezza è allora più preziosa della speranza in un riscatto?


L’articolo integrale nel numero di novembre


ABBONATI A PIAZZA GRANDE

Condividi su:
No Comments

Post A Comment