Combattere lo stigma attraverso le parole | Piazza Grande
22177
post-template-default,single,single-post,postid-22177,single-format-standard,cookies-not-set,everest-forms-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-7.7,wpb-js-composer js-comp-ver-4.7.4,vc_responsive

03 Gen Combattere lo stigma attraverso le parole

“La colpa di non avere un tetto”: intervista ai condomini di Scalo e a Daniela Leonardi

Di Federica Cenname e Noemi Sante

Non avere una casa è una condizione, non un’essenza. È per questo che si cerca di combattere contro gli stigmi che condannano le persone senza dimora a essere identificate con la situazione che vivono e a non essere considerate nella loro completezza e complessità. “La colpa di non avere un tetto”, di Daniela Leonardi, parla proprio delle rappresentazioni stereotipate che partecipano alla costruzione della cosiddetta “identità homeless”. In occasione della presentazione del libro al Condominio Laboratorio Scalo, abbiamo discusso con i presenti di quale sia la più diffusa percezione sociale rispetto alle persone senza dimora e della questione identitaria di chi vive questa condizione.

Condividi su:
No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.